cucina sana

 

Sono sempre più diffusi chioschi gourmet, ristoranti ‘fine dining’ e fast food che puntano su prodotti freschissimi e materie prime di altissima qualità. L’offerta risponde a una domanda sempre più crescente di piatti sani ma gustosi, con un pubblico che si è ampliato di molto, comprendendo anche le più giovani generazioni dei Millennials. Quali sono allora i segreti che fanno la differenza e innalzano il livello della ristorazione definita ‘gourmet’?

cucina

 

Nel settore Ho.Re.Ca. la gran parte dell’attività lavorativa avviene in ambienti con alte temperature. I membri di una brigata di cucina, gli operatori di un fast food addetti alla preparazione o anche il singolo cuoco di un chiosco sono i soggetti più inclini a mostrare i tipici sintomi da stress termico da calore: eruzioni cutanee, crampi, bruciore agli occhi, svenimenti e collassi. Lavorare a lungo ad alte temperature si traduce in un veloce affaticamento con una conseguente minore resa produttiva e a picchi di stress che aumentano il rischio di altri infortuni.

mucca

 

In Italia le abitudini alimentari sono in continua evoluzione. In generale, la qualità sta avendo la meglio sulla quantità, e per fortuna! Cosa significa, tuttavia, ‘qualità’ quando pensiamo alla carne e ai salumi?
È molto giusto porsi domande su come sono allevate le bestie destinate alla macellazione. A partire dalle condizioni in cui crescono e vivono gli animali. Diverse inchieste hanno fatto luce su aziende italiane tutt’altro che virtuose, che oltre a nuocere alla società e ai consumatori, hanno gettato fango sull’immagine dei produttori di carne in Italia. Tuttavia, la storia insegna che non è mai saggio fare di tutta un’erba un fascio. Partiamo quindi dalle certificazioni e dai riconoscimenti che dovrebbero tutelare il consumatore e garantire standard di produzione eticamente corretti. Stiamo parlando della certificazione di produzione biologica e delle indicazioni geografiche protette. Inoltre, un altro approccio produttivo veramente rispettoso è quello della filiera chiusa. Ma bastano per definire il livello qualitativo del prodotto finale destinato ai consumatori?

food_truck

 

Moda, trend in continua crescita, tradizione, il cibo da strada si colloca in ognuna di queste categorie e sono tanti i consigli che si trovano in rete o con il passaparola su cosa serve per avviare un’attività di ristorazione ambulante. All’ordine non mancano mai: burocrazia e ricerca di fondi per un investimento iniziale. Eppure, noi di Zernike siamo certi che c’è molto altro da spuntare nella lista dei requisiti minimi per avviare un chiosco o un food truck.

1. Trova la tua nicchia
C’è un’infinità di cibi da strada da poter offrire ai clienti. La cosa importante è scegliere quale proporre e limitare il menù a pochi piatti, ben curati e di alta qualità. Con questo approccio, anche la concorrenza diventa meno diretta e l’attività facilmente riconoscibile.

frutta essicata klima dry

 

L’essiccazione come metodo di conservazione lo conosciamo dai nostri nonni, ma ha origini ben più antiche. Fichi, pomodori, pesce posti su graticci sotto il sole estivo: niente di più semplice, naturale e pratico per conservare le scorte per l’inverno senza che andassero a male. La cucina di oggi può trarre enorme vantaggio da quest’antica tecnica di conservazione, che preserva tutte le qualità organolettiche e le proprietà nutritive del prodotto.

Nei nostri laboratori Zernike siamo rimasti affascinati dalla versatilità di un alimento essiccato e successivamente reidratato. Puree, frutta, verdura, funghi, pesce, carne, pasta, erbe aromatiche, bacche, insomma nessun limite ai cibi che possono essere essiccati.

GRUPPO ZERNIKE s.r.l.    Via Del Progresso, 15  .  Fraz. San Mauro Mare - 47030 San Mauro Pascoli (FC)  .  Tel. +39.0541 810270
Fax: +39.0541 937456  . P. IVA e C.F. 01994271201  . Iscrizione  Registro Impr. Forlì-Cesena  .  R.E.A. n. 296499  . Capitale Sociale versato: € 42.500,00  .  N°iscr. RAEE: IT08030000004090

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta dall’amministratore di Gruppo Zernike srl.