High Tech Fry - friggitrice professionale

HIGH TECH FRY - Migliora la resa della tua Friggitrice Professionale

L’INNOVAZIONE CHE ALLUNGA LA VITA ALL’OLIO DI FRITTURA

Porta in tavola fritti più sani, leggeri, croccanti risparmiando il 100% sul consumo d'olio

Basta introdurre High Tech Fry all'interno della vasca della friggitrice per mantenere l'olio fluido e prolungarne la vita utile. Risparmierai tempo e denaro sui costi legati ai consumi. Otterrai dei fritti di qualità: più croccanti, dorati, salutari grazie al un minor assorbimento dell'olio, e non dovrai più preoccuparti delle contaminazioni di sapori tra i cibi.
icone prodotto

TANTI BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE “HIGH TECH FRY”

È INNOVAZIONE

Curioso di scoprire la tecnologia che rivoluziona l’idea di frittura?

Curioso di scoprire la tecnologia che rivoluziona l’idea di frittura?

High-Tech Fry è l’innovazione eco-intelligente che cambia per sempre gli standard della frittura professionale. Si tratta di una tecnologia all’avanguardia progettata per compiere un’azione catalitica sull’olio di frittura a livello molecolare senza l’impiego di energia elettrica né di sostanze chimiche, nel pieno rispetto della filosofia Zernike.

HTF struttura

Una gabbia in filo d’acciaio racchiude piastre composte di una miscela di ceramica e metalli pregiati, tra cui platino e titanio, che una volta inserite nella vasca della friggitrice, sono in grado di estendere la durata di vita dell’olio poiché:

  • ritardano il processo di ossidazione dell’olio di frittura;
  • evitano che l’olio si addensi, abbassandone il livello di viscosità;
  • aumentano la conduttività termica dell’olio, permettendo di friggere a temperature più basse.

È la particolare miscela delle piastre ad agire come catalizzatore. Le sostanze contenute uniformemente nel composto riflettono i raggi UV che, rimbalzando, immettono nuovi elettroni nell’olio di frittura, rallentandone drasticamente l’ossidazione. Inoltre, si tratta di piastre ‘piene’ che non si sfogliano con il tempo e che in caso di rottura – magari a causa di una caduta – continuano comunque a svolgere il loro lavoro senza alcun problema.

High Tech Fry nasce per trasformare la frittura professionale in un alimento più salubre e in grado di offrire risultati di grande livello. È sicuro per la salute dell’uomo al 100%, avendo superato a livello internazionale e a pieni voti i test di tossicità dei più importanti laboratori di certificazione.

Diffidate da imitazioni e contraffazioni.

Solo HTF è costruito con i più alti standard di qualità di produzione.
HTF è robusto e adatto per tutti i tipi di olio e di temperature.

 

HTF logo
TORNA AI BUONI MOTIVI

OTTIENI RISULTATI UNICI

Ci credi se ti diciamo che da oggi puoi offrire un fritto più sano ai tuoi clienti?

Ci credi se ti diciamo che da oggi puoi offrire un fritto più sano ai tuoi clienti?

pesce Fritto

Il fritto piace a tutti, ma non tutti credono di poterselo permettere. Per alcuni è proprio un tabù, obbedienti alle raccomandazioni di gran parte dei nutrizionisti. Cos’è che rende un fritto nemico della dieta e della salute? I grassi e le sostanze cancerogene che si formano in cottura.

Pochi sanno che molti alimenti, se fritti, preservano meglio le proprie sostanze nutritive. Infatti, a rendere il fritto dannoso per la salute dell’uomo è un mix di comportamenti scorretti in fase di cottura: la scelta sbagliata dell’olio, una temperatura di frittura troppo elevata, una cattiva gestione di tutto il processo di cottura da parte dell’operatore.

Eppure da oggi un fritto più sano e più gustoso è possibile.

High Tech Fry agisce a livello molecolare direttamente sull’olio di frittura. 

 

La frittura è asciutta e leggera

Questa innovativa tecnologia, infatti, aumenta la conduttività termica dell’olio mantenendolo fluido più a lungo.

Ma vediamo insieme come funziona. I raggi UV emessi dalle piastre di High Tech Fry rilasciano elettroni che si legano alle molecole di olio. Così facendo l’olio assume carica negativa proprio come il cibo in frittura. In questo modo, olio e alimenti si respingono naturalmente, lasciando il fritto più morbido e succoso all’interno, mentre all’esterno è croccante e più asciutto poiché assorbe meno olio. Cosa significa in parole povere? Fritto meno calorico fino al 47%.

 

Il fritto ha un colore dorato e uniforme

È infatti la crosticina scura sugli alimenti a indicare una pessima gestione della frittura. Quando il risultato è così scandente, probabilmente l’olio ha già superato il cosiddetto ‘punto di fumo’, la temperatura oltre la quale iniziano a formarsi potenziali composti cancerogeni. High Tech Fry, immerso nella vasca della friggitrice, abbassa la viscosità dell’olio, che rimane fluido e mantiene efficiente il trasferimento termico agli alimenti, permettendo così di cuocere a temperature più basse e quindi più sicure, ma che conferiscono al fritto una croccantezza e un colore ottimale.

 

Una frittura gustosa, professionale di alta qualità

La tecnologia catalitica di High Tech Fry è una garanzia sia in termini di gusto sia di salubrità. Sì, perché un’altra sua grande caratteristica è quella d’inibire la contaminazione di odori e sapori tra cibi diversi fritti nella stessa vasca. Ogni alimento fritto mantiente il proprio sapore orignario, senza alcun retrogusto.

Con High Tech Fry i tuoi clienti impareranno a riconoscere com’è una frittura da leccarsi i baffi senza sensi di colpa.

pollo fritto
TORNA AI BUONI MOTIVI

TI FA RISPARMIARE

Sai che la vita dell’olio di frittura può essere allungata, in sicurezza, del 100%?

HTF ISTOGRAMMA

Sai che la vita dell’olio di frittura può essere allungata, in sicurezza, del 100% e oltre?

Una grande tecnologia è davvero all’avanguardia quando riesce a offrire le migliori prestazioni ottimizzando costi, tempi e risorse. Per questo High Tech Fry abbraccia a pieno la filosofia Zernike del risparmio e della riduzione dei consumi.

 

High Tech Fry rispetta il tuo conto corrente

  • la vita utile dell’olio di frittura viene prolungata del 300%, quindi il tuo consumo annuale di olio diminuirà drasticamente;
  • non è un dispositivo elettrico, perciò non consuma energia e non utilizza batterie;
  • non ha parti che necessitano di essere cambiate spesso, perché High Tech Fry è garantito 5 anni e le piastre in ceramica continuano a svolgere perfettamente il loro lavoro anche in caso di rottura;
  • di conseguenza, abbatterai i costi di stoccaggio dell’olio, sia nuovo sia di quello esausto;
  • ritorno del ROI velocissimo.

 

High Tech Fry rispetta l’ambiente

  • meno cambi di olio significano meno imballaggi e confezioni da smaltire, oltre a meno olio esausto da riciclare come rifiuto speciale;
  • consentendo di tenere la temperatura dell’olio più bassa di 5/6°, con High Tech Fry risparmi sull’energia impiegata dalla friggitrice;
  • la minima manutenzione con acqua calda non richiede l’uso di detergenti inquinanti per la pulizia della griglia e delle piastre.

 

High Tech Fry rispetta il tuo tempo

  • s’installa in pochi minuti e richiede pochissima manutenzione;
  • High Tech Fry è completamente autonomo, non ha bisogno di essere acceso per funzionare e non è necessario controllarlo durante l’utilizzo. Questo significa che non richiede personale specializzato dedicato;
  • potrai servire i tuoi clienti in tempi più brevi: friggere in condizioni ottimali, infatti, permette di ottimizzare al meglio i tempi del servizio.

non richiede personale specializzato dedicato

TORNA AI BUONI MOTIVI

TI SEMPLIFICA IL LAVORO

Pensi anche tu che innovazione significhi migliorare la vita di chi lavora?

Pensi anche tu che innovazione significhi migliorare la vita di chi lavora?

Il grande pregio di High Tech Fry è fornire risultati unici e salubri nella frittura professionale. La grande ricerca dietro a questo prodotto ha permesso di ridurre le calorie assorbite dagli alimenti, di diminuire i tempi di cottura e i rischi di formazione di acrilamidi. Vantaggi di questo calibro hanno tutto un altro valore se abbinati all’estrema facilità di utilizzo di High Tech Fry grazie anche al suo supporto compatto e maneggevole.

Nelle illustrazioni che seguono, vedrai quanto è semplice installarlo e quanto è facile e veloce pulirlo. Richiede solo due tipi di manutenzione, con l’uso esclusivo di acqua: quella ordinaria, da eseguire a ogni cambio d’olio, e quella straordinaria da fare due volte al mese.

Ciò che rende davvero unico High Tech Fry è la capacità di allungare la vita dell’olio di frittura del 100% e oltre. Questo significa che utilizzerai meno olio ogni anno. Oltre a un notevole risparmio economico, una minore quantità di olio comporta un’organizzazione più agile delle scorte e dei rifiuti speciali e un impiego ottimizzato del personale.

 

2 secondi per installarlo

Bastano 2 secondi per posizione HTF all'interno della vasca. Non occorre nessuna conoscenza specifica e nessun controllo, consentendo a qualsiasi operatore, che lavora in cucina, di potersene occupare.

1 installazione e pulizia HTF

 

10 minuti due volte al mese per pulirlo

Per garantire il corretto funzionamento di HTF basta eseguire un veloce risciaquo sotto l'acqua corrente calda, per almeno 2 minuti, ogni volta che si cambia l'olio, e 5/6 minuti in acqua bollente ogni 15/20giorni. Questa è tutta la manutenzione che HTF richiede.

2 installazione e pulizia HTF

TORNA AI BUONI MOTIVI

SCEGLI IL MODELLO PER TE

Lavori con una o più friggitrici? Di grandi o piccole dimensioni?

Lavori con una o più friggitrici? Di grandi o piccole dimensioni?

Adattarsi a ogni esigenza è la prerogativa di un prodotto intelligente come High Tech Fry. I due modelli disponibili permettono di soddisfare i bisogni sia di chi utilizza friggitrici di grandi dimensioni sia per esercizi più contenuti.

Quale che sia la misura, High Tech Fry è garantito 5 anni senza costi aggiuntivi. Una garanzia così duratura nel tempo è un’attenzione in più a te cliente ma anche la dimostrazione della resistenza di High Tech Fry.

Le prestazioni, la robustezza e la sicurezza di High Tech Fry hanno ricevuto certificazioni internazionali di conformità che hanno permesso di estenderne il brevetto a livello mondiale.

High Tech Fry è certificato e approvato da:

  • NSF International
  • Certificato in Italia
  • Centro Ceramico Italiano “Cencerbo”
  • Japan Food Research Laboratories
  • Centro Analisi Californiano
  • SGS Italia
  • United Kingdom Cream
  • World patent

SCEGLI L'HIGH TECH FRY CHE FA PER TE

HTF 15

Per vasca fino a 18 lt di olio. Per chi possiede una piccola friggitrice e desidera stupire i propri clienti con alimenti diversi, gustosi e sani.

HTF 25

Per vasca fino a 30 lt di olio. Per chi frigge in grandi quantità e vuole garantire un prodotto gastronomico di alto livello e ottimizzare le risorse.
TORNA AI BUONI MOTIVI

SCOPRI DI PIÙ

Ti va di conoscere tutto quello che c’è da sapere sulla frittura professionale?

Ti va di conoscere tutto quello che c’è da sapere sulla frittura professionale?

In ambito dietetico la frittura non gode dello stesso prestigio che ha in ambito gastronomico. Non primeggia, infatti, per digeribilità e leggerezza ed è considerata uno dei metodi di cottura meno salutari. Questa irresistibile leccornia dev'essere pertanto consumata con moderazione.

Il rispetto delle regole appena elencate fa sì che la condanna dei nutrizionisti non sia netta e – con le dovute accortezze – rende la frittura una specialità compatibile con sane abitudini alimentari. Seguendo tali indicazioni, una persona in buona salute può consumare alimenti fritti in due, massimo tre, occasioni settimanali, ovviamente senza esagerare nella quantità e nel sale aggiunto (specie in caso di ipertensione).

La frittura è un metodo di cottura capace di rendere qualsiasi pietanza invitante e irresistibile, ma spesso demonizzata perché ritenuta poco salutare, così si rinuncia a mangiare cibi fritti preferendo altri tipi di cotture. 

In pochi sanno che, rispetto ad altri, questo metodo di cottura, se fatto bene, ha diversi aspetti positivi riscontrabili sulla qualità dell’alimento e sulla sua digeribilità.

  • Qualsiasi cibo fritto diventa più digeribile. Durante la frittura, l’alimento si disidrata e perde i suoi liquidi diventando facilmente aggredibile dai succhi gastrici e di conseguenza più digeribile.
    Non per niente si consiglia sempre di bere tanta acqua durante il giorno ma sempre lontano dai pasti per non rallentare la digestione.
  • L’alimento fritto mantiene le proprie proprietà nutrizionali intatte molto di più rispetto ad altri tipi di cottura. Nel corso della frittura, se la temperatura dell’olio è mantenuta costante e sostenuta (senza raggiungere il punto di fumo), si evita l’imbibizione dell’olio e si crea, attorno all’alimento, una barriera lipidica che ostacola l’assorbimento dell’olio da parte dell’alimento e ne preserva i nutrienti.

Niente più tabù sul fritto, quindi, a patto che si seguano regole conosciute e precise, fra cui:

  • la scelta giusta dell’olio;
  • la scelta della temperatura di frittura corretta;
  • l’uso delle migliori tecnologie presenti sul mercato.

 La frittura ha effetti negativi sulla nostra salute solo se:

  • è stata fatta con olio scadente o con oli vegetali di scarsa qualità;
  • l’alimento finale risulta ‘inzuppato’ d’olio;
  • l’ alimento presenta una doratura scura (potenzialmente cancerogeno). Una maggiore intensità del colore, infatti, è quasi sempre associata a un maggior contenuto di composti di degradazione.

 

QUAL È L’OLIO PIU’ ADATTO?

Un buon olio da frittura deve essere ‘stabile’ durante la cottura.

TABELLA GRASSI OLI

La stabilità dell’olio è fortemente legata e determinata dalla percentuale di grassi polinsaturi che contiene.

Gli oli con un alto grado d’insaturazione sono meno indicati ad essere sottoposti a trattamenti termici prolungati e ripetuti.

Gli oli più sani per la frittura sono quelli con maggiore quantità di acidi grassi monoinsaturi e non necessariamente quelli con meno grassi saturi o più polinsaturi. Più elevata è la percentuale dei monoinsaturi, migliore è la qualità nutrizionale e la sicurezza dei grassi, mentre quando è alto il contenuto in acidi grassi saturi, tipo per l’olio di palma, maggiore è il pericolo per la salute del consumatore.

La presenza di quantità cospicue di acidi grassi polinsaturi è strettamente correlata con la velocità delle degradazioni ossidative ( Frankel, 1991): Il colore dell’olio diventa più scuro, si ha un aumento della viscosità e un aumento della fumo. Dal punto di vista sensoriale, cambia l’odore e il sapore cambiano dell’olio e degli alimenti fritti.

patate fritte

 

QUAL È LA TEMPERATURA IDEALE PER LA COTTURA?

piatto

La temperatura ottimale da usare per friggere è più di una, perché varia in base alle caratteristiche proprie del tipo di olio usato. L’importante è non raggiungere mai il “punto di fumo”, che in maniera più appropriata è detto pirolisi.

La pirolisi avviene quando s’impostano temperature troppo alte rispetto quella che ogni tipo di olio può fisicamente sopportare in base alle proprie caratteristiche, cominciando a diventare tossico per l’essere umano.

Per questi motivi è fondamentale conoscere le differenze tra i vari oli e assettare la cottura in base alle sue proprietà.

È importante ricordare che, durante la frittura di alimenti a basso contenuto di grassi, quali ad esempio le patate, l’olio penetra nell’alimento in quantità variabili dal 15 al 45%, per cui l’alimento fritto assume una composizione in acidi grassi simile a quella dell’olio utilizzato per la frittura.

La frittura, nonostante le semplicità e la rapidità di preparazione, è un processo molto complesso dal punto di vista chimico. Durante la cottura, l’alimento cede acqua, sostanze grasse e assorbe olio, che sottoposto a riscaldamento, subisce un elevato numero di modificazioni dando vita a reazioni.

Tempo di frittura, temperatura, natura dell’olio, tipo di alimento, tecnologia utilizzata sono le variabili operative che influenzano il tipo di reazione che si genera durante la cottura e che, se non correttamente bilanciati, influiscono sulla generazione di composti non volatili (sostanze potenzialmente dannose) che permangono nell’olio e vengono assorbiti dall’alimento.

L’entità di queste trasformazioni è dipendente dalla temperatura, dal tempo di utilizzo, dalla presenza di tracce di metalli che fungono da catalizzatori dell’ossidazione, dalla natura degli alimenti e dalla composizione dell’olio utilizzato nella frittura.

Nello specifico le reazioni che si generano sono:

  • Idrolisi
  • Ossidazione
  • Polimerizzazione

Idrolisi:

L’alimento a contatto con l’olio rilascia una certa quantità di acqua sotto forma di vapore. La presenza dell’acqua in olio bollente causa l’idrolisi dei grassi formando i trigliceridi e gli acidi grassi liberi. La degradazione dell’olio avviene per trasformazione del glicerolo (con perdita di acqua) in acroleina (aldeide acrilica). Questi ultimi sono la causa della rapida ossidazione dell’olio. È bene fare presente che alla formazione dell’acroleina segue quella del suo sottoprodotto, l’acrilammide, una sostanza cancerogena che si trova nelle parti bruciacchiate o scure dell’alimento fritto. L’idrolisi dell’olio è un fenomeno facilmente rilevabile quando l’olio comincia a fare fumo.

Ossidazione:

L’esposizione dell’olio all’ossigeno dell’aria influenza e accelera l’ossidazione dei grassi insaturi, facendo virare il colore dell’olio e cambiandone il sapore. L’olio diventa rancido. Purtroppo l’olio nelle friggitrici è costantemente a contatto con elementi che accelerano il processo di ossidazione, quali ad esempio: calore, umidità nell’olio e negli alimenti posti in frittura, spezie, pane, farina e aria. Per valutare il rischio legato all’ossidazione dei grassi durante la frittura, il parametro di riferimento è la misurazione dei TPM (composti polari totali), ovvero l’insieme dei composti potenzialmente dannosi presenti nell’olio.

Polimerizzazione:

La temperatura è un fattore determinante nel processo di deterioramento dell’olio e genera la polimerizzazione. Durante questo processo le molecole perdono elettroni e arrivano a ‘legarsi’ tra loro reticolando i ‘composti polari totali’, rendendo l’olio più denso, più scuro e più difficile da scaldare.

TORNA AI BUONI MOTIVI

GRUPPO ZERNIKE s.r.l.    Via Del Progresso, 15  .  Fraz. San Mauro Mare - 47030 San Mauro Pascoli (FC)  .  Tel. +39.0541 810270
Fax: +39.0541 937456  . P. IVA e C.F. 01994271201  . Iscrizione  Registro Impr. Forlì-Cesena  .  R.E.A. n. 296499  . Capitale Sociale versato: € 42.500,00  .  N°iscr. RAEE: IT08030000004090

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta dall’amministratore di Gruppo Zernike srl.